Se Van Gogh avesse avuto un osteopata

UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLA DISFUNZIONE SOMATICA NELL’OPERA D’ARTE

Il libro, scritto dal dott. Carlo Conte, osteopata e divulgatore scientifico, appassionato di arte, scrittura, comunicazione, ci propone un affascinante viaggio alla ricerca della disfunzione somatica nella storia dell’arte.

La caratteristica principale di tutto il testo è certamente l’originalità, ponendosi come obiettivo quello di avvicinare due mondi apparentemente così diversi tra loro: l’osteopatia e l’arte. Mondi a prima vista distanti, ma che sottendono entrambi la medesima ricerca, quella dell’armonia e dell’equilibrio. Partendo dalle analisi di alcune tra le più belle opere d’arte del mondo, dal Cristo Velato agli autoritratti di Van Gogh, l’autore conduce il lettore attraverso i principali modelli osteopatici, fasciale, craniale, strutturale e fluidico, in un modo del tutto inedito.

Un pretesto quindi, quello dell’opera d’arte, per recuperare il piacere della contemplazione del corpo umano, lontano dai ritmi serrati dell’attività clinica.

ISBN: 9788894199468

Prezzo di copertina: 12,90 euro

Pagine: 70

Formato: 17×24 cm.

ACQUISTALO SUBITO

Carlo Conte, fisioterapista e osteopata, svolge l’attività di libero professionista nel suo studio di Napoli. E’ assistente alle lezioni di osteopatia in ambito cranico presso l’ICOMM di Roma. Collaboratore esterno, in qualità di osteopata, presso la Facoltà di Fisioterapia dell’Università Federico II di Napoli. Divulgatore e scrittore, fra i primi in Italia ad occuparsi di diffusione dell’osteopatia al pubblico. Appassionato d’arte, autore letterario, collaboratore di radio e riviste on-line, ha scritto oltre 200 articoli su osteopatia e rimedi naturali.